Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Articoli Archivi - Pagina 3 di 25 - Venezia Giulia Economica

Network delle Camere di commercio della Nuova Alpe Adria a confronto in modalità videoconferenza

23 Ottobre 2020 | Di |


    Continuare le attività di lobbying  per mettere il Network delle Camere di Commercio della Nuova Alpe Adria  (Naa) in una posizione di vantaggio nella nuova programmazione, portandolo con sempre più forza all’attenzione dei nostri ministeri e rappresentanze in seno all’UE; lavorare su trasporti e infrastrutture per rendere sempre più competitiva l’area senza creare distorsioni e impedimenti; organizzare eventi in presenza o in caso virtuali e adoperarsi per portare gruppo di imprenditori agli eventi e fiere organizzate o supportate dalle Camere di commercio; favorire progetti e scambi di studenti tirocinanti, stagisti e apprendisti all’interno dell’Area Alpe Adria, valorizzando le competenze transfrontaliere come si sta già facendo nel progetto Scet-Net; mantenere e potenziare il flusso informativo fra le nostre economie, prevedendo anche accordi con le agenzie di stampa, per arrivare ad una agenzia economica transfrontaliera Alpe Adria; promuovere il turismo all’interno dell’Alpe Adria; promuovere la digitalizzazione e l’innovazione quali strumenti moderni di business nell’are. Questi in sintesi i temi su cui il Network Naa si è incontrato virtualmente questa mattina online – dopo aver annullato l’incontro a Gorizia alla luce delle situazione sanitaria attuale – alla presenza di Antonio Paoletti, presidente della Camera di commercio Venezia Giulia, Jasna Jaklin Majetić presidente della Camera dell’economia della Contea istriana, Lucia Pilutti segretario generale della Camera di commercio Pordenone – Udine, Mario Pozza, presidente di Unioncamere Veneto, Jurgen Mandl, presidente della Camera dell’Economia della Carinzia, Mitja Gorenšček, direttore esecutivo della Camera dell’economia e industria della Slovenia in rappresentanza del presidente Boštjan GorjupKarl-Heinz Dernoscheg direttore della Camera dell’economia della Stiria in rappresentanza del presidente Josef HerkVedran Devčić coordinatore settore trasporti e commercio della Camera dell’economia della contea litoraneo montana in rappresentanza del presidente Heri BezicBranko Meh presidente della Camera dell’artigianato della Slovenia.

    <Il periodo dell’emergenza ha visto le Camere del Network Nuova Alpe Adria, creare un servizio transfrontaliero di informazione – ha detto Antonio Paoletti, presidente della Cciaa Vg – sulle disposizioni in vigore in materia di mobilità di beni, persone, disponibilità e aperture di attività economiche vigenti nei rispettivi territori, per supportare il rilancio economico delle imprese dell’area della Nuova Alpe Adria e facilitarne la ripresa nella seconda fase dell’emergenza Covid-19. Questo coordinamento è fondamentale e ora serve fare un passo ulteriore>.

    Come network c’è una crescente necessità di comunicare i nostri territori e le opportunità per le imprese, per questo è  fondamentale ormai creare una forte attività di informazione economica  “Alpeadria economic affairs” online. <E’ necessario – conclude Paoletti – arrivare a una coesione economica sostenuta da fatti noti, non fake news che in una giornata possono condizionare traffici e business delle nostre imprese, attivando collaborazioni con i nostri reciproci organi di informazione. A questo proposito esistono consistenti finanziamenti comunitari che potrebbero essere sfruttati per consentirci di creare una rete informativa economica strutturata che dirami agli organi di informazioni notizie certe e utili alla crescita dell’economia dell’Alpe Adria>.

    Meinrad Hofferer della Camera dell’Economia della Carinzia  ha presentato la Paper Strategye le attività di lobbying per supportare il Network Alpe Adria nella nuova programmazione dei fondi europei 2021-2027. <L’obiettivo – ha riferito –  è quello di avere una attenzione dedicata all’Area Alpe Adria, all’interno di alcuni programmi europei >.

    Contesti come questo, nell’ambito della Nuova Alpe Adria, consentono di condividere proposte, progetti e buone prassi utilissime soprattutto in momenti complessi come quello che ci troviamo a vivere oggi. <Abbiamo raccontato l’esperienza fatta come Camera di Commercio di Pn-Ud – afferma il presidente Giovanni Da Pozzo – in questi mesi: per garantire al massimo la sicurezza, abbiamo potenziato ovunque possibile le attività da remoto, consentendo a cittadini e imprese di non veder mai sospeso il servizio a loro favore e di ottenere più informazione, formazione e servizi possibili direttamente online, senza doversi muovere da casa o dal lavoro. Questa pandemia ci sta spingendo a velocizzare quell’innovazione e quella digitalizzazione su cui come Camere stavamo già puntando prima dell’emergenza. Solo per citare alcune iniziative delle Camere: Cassetto digitale dell’imprenditore, libri digitali, registroimprese.it, fatturazione elettronica online, senza trascurare la info-formazione tramite webinar che abbiamo potenziato e ci permette di arrivare a tante più persone, dando loro strumenti che speriamo possano essere utili per concretizzare e sviluppare le proprie idee di impresa e di operatori economici, anche in un periodo così difficile>.

    Se da un lato vi è grande armonia e collaborazione all’interno del Network il presidente della Cciaa Vg ha chiesto un appoggio ai colleghi carinzia e stiriani su una problematica di particolare gravità. <Mentre le aziende di tutta l’Unione Europea continuano a lottare – ha sottolineato Paoletti – contro le conseguenze negative della pandemia da Covid-19 e si trovano ad affrontare una situazione senza precedenti che minaccia il futuro di molte aziende, il Tirolo si prepara al prossimo inasprimento dei divieti di circolazione. Infatti, a partire dal 1.o gennaio 2020 il Tirolo vuole vietare tutti i veicoli pesanti Euro 5 in transito e i veicoli Euro 4 nelle ore notturne. Questo porterebbe ad un divieto quasi totale per i camion in transito nelle ore notturne e ad un peggioramento della situazione nelle ore rimanenti durante il giorno. L’inasprimento del divieto notturno in un contesto di pandemia globale e di crisi economica è difficilmente comprensibile>. Il sistema camerale italiano, infatti, condanna e respinge fermamente le misure unilaterali tirolesi che appaiono in palese conflitto con il diritto europeo. I divieti unilaterali non possono funzionare per un corridoio europeo, occorre cercare e promuovere soluzioni comuni.

    Trieste, 23 ottobre 2020

Bisogni infrastrutturali delle imprese manifatturiere, trasporto e logistica

21 Ottobre 2020 | Di |


In corso l’indagine di Uniontrasporti: fino 31 ottobre il questionario online

 Uniontrasporti sta realizzando un’indagine presso le imprese della produzione manifatturiera e dei servizi di trasporto e logistica sui fabbisogni di infrastrutture materiali e digitali, nonché sulle loro valutazioni delle strategie in corso. Si richiede quindi la collaborazione delle imprese manifatturiere e dei servizi di trasporto e logistica per la compilazione (entro il 31 ottobre 2020di un breve questionario on line al link

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdGfURGnsBhwPs-2NgKN6OF3YTPCOAImYG5WTzoSwpRP1X8XA/viewform?usp=sf_link

Per info: Uniontrasporti – tel. 02 3658 2880; info@uniontrasporti.it

“Io Penso Positivo – Educare alla Finanza”

13 Ottobre 2020 | Di |

Secondo appuntamento online dell’edizione 2020 del progetto . ll 15 ottobre, alle 15,  le Camere di commercio di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia accoglieranno il Live Show online.

          Il secondo appuntamento online dell’edizione 2020 del progetto “Io Penso Positivo – Educare alla Finanza” arriva in Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Oltre ai nuovi moduli in uscita su www.iopensopositivo.eu, l’evento in programma si giocherà tra formazione, giochi interattivi, ospiti, tante sorprese e una grande competizione nazionale: chi saranno i migliori?

             Il tour online che porta l’educazione finanziaria tra gli studenti di tutta Italia continua e il 15 ottobre sarà la volta del Triveneto: l’evento è patrocinato dalle Camere di commercio di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia che hanno promosso il progetto presso i propri istituti scolastici, raggiungendo, in particolare, i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 18 anni. 

             Io Penso Positivo – Educare alla Finanza ha come finalità (in)formare i giovani studenti sulla necessità di possedere una corretta percezione delle proprie risorse economiche e rinforzare la consapevolezza delle difficoltà e dei rischi legati all’avvio di investimenti o di iniziative di micro imprenditorialità. 

             Si tratta di un progetto del Ministero dello Sviluppo (Direzione generale per il mercato, la concorrenza, la tutela del consumatore e la normativa tecnica) e Unioncamere, in collaborazione con il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, con Innexta e SiCamera come partner tecnici, che prende il via a ottobre, il mese dell’educazione finanziaria.

             Il 15 ottobre, dalle ore 15,  le Camere di commercio di Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia accoglieranno il Live Show online, le pillole formative previste e un gioco interattivo che coinvolgerà i ragazzi in una breve gara per aggiudicarsi una delle primissime posizioni e guadagnare punti validi per la classifica e delle super sorprese finali.

             Il Live Show sarà condotto da un presentatore che guiderà i ragazzi in un percorso formativo e informativo, ma divertente. Dopo aver raccontato il progetto, si inizierà con la testimonianza di uno dei vincitori 2019 della Winter School, il premio finale della prima edizione. L’Ambassador racconterà come ha vissuto e cosa ha imparato dalla prima edizione nonché tutti i vantaggi che il progetto di educazione finanziaria ha portato nella sua vita di tutti i giorni.

             A seguire, una clip dell’Università Bicocca di Milano si concentrerà su diversi aspetti dell’educazione finanziaria per poi lasciare la parola alle Camere di commercio che racconteranno le esperienze della realtà locale, naturalmente a partire dalla finanza.

Infine, sarà la volta del gioco interattivo e della sfida per aggiudicarsi i primi posti in classifica.

             Al termine di tutti i Live Show, la classifica ufficiale del progetto sul sito www.iopensopositivo.eu si aggiornerà consentendo la scalata verso le tre sorprese (cosa li aspetta?) agli iscritti in piattaforma.

             Ma i Live Show sono solo una parte del progetto, per i ragazzi sulla piattaforma www.iopensopositivo.eu c’è infatti un corso di (in)formazione online per avvicinarli ai temi dell’educazione finanziaria con clip video, brevi testi di approfondimento e test che consentiranno ai partecipanti di ricevere l’attestato di competenza finanziaria, Entry Level per i prime 6 moduli e Advanced Level per chi completa tutti e10 i moduli formativi.

             Ai ragazzi sarà sufficiente iscriversi alla piattaforma e iniziare a giocare tenendo d’occhio le date dei Live Show: iscriversi e partecipare agli eventi consentirà loro di guadagnare punti in classifica, oltre ad acquisire basi solide per gestire budget e stipendi futuri.

             Per informazioni relative alla piattaforma e ai Live Show, scrivere a info@iopensopositivo.eu

Cenni storici sull’opera realizzata dall’orologiaio friulano Sebastianutti

9 Ottobre 2020 | Di |

La linea è stata costruita nel 1820 da Antonio Sebastianutti (un orologiaio nato a Pers in Friuli) per poter fornire il necessario supporto agli orologi marini a bordo delle navi oceaniche che allora, da poco, cominciavano a toccare Trieste.

Per il funzionamento della Linea Meridiana venne realizzata una feritoia a tromba nel grosso muro frontale dell’edificio e all’interno di essa venne praticato un foro (foro gnomonico) attraverso il quale i raggi solari penetrano fino a raggiungere la Meridiana e così si forma al mezzodì l’immagine ellittica del Sole (principio della camera oscura). La sua altezza originale dal pavimento era di 5.45 m; oggi, a seguito di cedimento secolare dell’edificio, è più basso di circa 30 cm.

La storia della Linea Meridiana della Borsa è stata ricostruita, dopo 12 anni di ricerche da parte dell’ing. Paolo Albèri-Auber. Dalla ricerca è emerso che Sebastianutti ebbe modo di partecipare, in seguito, fornendo un contributo determinante, all’invenzione dell’elica (Ressel, 1829).

Il progetto della Meridiana risaliva forse al professore altoatesino di Nautica Michele Andrea Stadler de Breitweg: sicuramente il collaudo fu fatto da lui.

I calcoli invece vennero quasi certamente fatti da Gaspare Tonello, il noto imprenditore iniziatore del Cantiere Triestino San Marco, i cui trascorsi come insegnante e calcolatore nella Scuola Nautica erano, prima di questa ricerca, del tutto sconosciuti.

Ad iniziarne lo studio fu il dottor Paolo Zlobec nel 1980. Altri riferimenti alla politica e alla scienza francesi dell’epoca (il ruolo di Gerolamo Bonaparte in quel tempo residente a Trieste) sono stati svelati dal triestino ing. Paolo Albéri-Auber, progettista e ricercatore di Storia della Scienza.

La Linea Meridiana serviva a regolare, con il necessario segnale orario solare, i precisissimi orologi marini: solo così si poteva disporre anche in mezzo all’oceano dell’ora solare esatta di Trieste. In tal modo confrontando quest’ultima con quella del punto dove si trovava la nave in quell’istante (punto nave), essa permetteva, dopo un semplicissimo calcolo, di determinare la differenza di longitudine rispetto alla nostra città.

La Meridiana dell’Edifizio di Borsa ha ormai compiuto 200 anni

9 Ottobre 2020 | Di |

Ricorreva il 23 settembre il 200° anniversario dell’inaugurazione della linea meridiana che fu realizzata da Antonio Sebastianutti nell’“Edifizio di Borsa” di Trieste.

La realizzazione all’interno del palazzo della Borsa Vecchia aveva la finalità di permettere la calibrazione dei cronometri di bordo, facilitando quindi le osservazioni astronomiche e permettendo, in definitiva, una navigazione più sicura. Duecento anni fa, infatti, non esistevano sistemi di diffusione e di navigazione migliori del punto nave astronomico (in particolare la conoscenza dell’ora permette la facile determinazione della longitudine) e quindi questa costruzione testimonia dell’attenzione e dell’importanza dell’arte della navigazione in una città votata al mare a ricchissima (all’epoca, ma anche oggi) di commerci.

Una meridiana (più propriamente “Linea Meridiana”, anche se comunemente il termine indica gli “orologi solari”, quelli che vediamo su molte pareti esterni di edifici) è un segmento di meridiano, e come tale è esattamente orientato per Nord-Sud. Grazie a un foro sulla parete del Palazzo viene proiettata l’immagine del sole nel suo moto apparente. Allo scoccare del mezzogiorno astronomico il disco luminoso si troverà esattamente sulla linea. Naturalmente questa spiegazione è semplificata perché bisogna tenere conto della correzione astronomica (equazione del tempo) e del fatto che in settembre vige ancora l’ora legale (che quindi avviene verso le 13 sui nostri orologi).

«La Linea Meridiana – commenta il presidente camerale, Antonio Paoletti – prosegue sulla pavimentazione esterna di piazza della Borsa e questa aggiunta, di interesse turistico e come arredo cittadino, è stata fatta realizzare nel 2010, occasione del rifacimento del selciato di piazza della Borsa. In quell’occasione è stato realizzato dall’ing. Paolo Albéri Auber e da Aurelio Pantanali un orologio solare “azimutale – analemmatico” che funziona con l’ombra dell’utente medesimo».

A Gorizia il network delle Camere della Nuova Alpe Adria

9 Ottobre 2020 | Di |

IL 23 OTTOBRE IL CONFRONTO SULLE ECONOMIE DELLE 7 AREE REGIONALI

Il prossimo 23 ottobre si terrà a Gorizia, ospitata dalla Camera di Commercio Venezia Giulia, la 9.a Conferenza dei Presidenti delle Camere di Commercio della Nuova Alpe Adria, network che accomuna le realtà camerali di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Carinzia, Stiria, Slovenia, Istria e Regione litoraneo montana – Fiume.

L’organo di indirizzo strategico politico sarà chiamato ad approvare il paper strategico economico dell’area, redatto dal Gruppo Tecnico, nonché a confrontarsi sull’attuale situazione economica della zona Alpe Adria e su possibili forme di rafforzamento della cooperazione, specie in epoca da emergenza da Covid-19, sulle prossime attività in programma nel 2021 e sull’importante valorizzazione dell’area Nuova Alpe Adria nelle strategie e nei programmi di finanziamento della programmazione dei fondi europei 2021-2027, ormai alle porte.

L’appuntamento di Gorizia, che segue quello tenutosi a Graz nel 2019, riveste particolare importanza per il capoluogo isontino quale occasione per presentare ai vicini partner camerali le proprie progettualità di sviluppo economico, specie in ambito transfrontaliero.

Il network Nuova Alpe Adria, fondato nel 2007, ha sviluppato negli anni una serie di attività strategiche, progettuali ma soprattutto operative, creando occasioni di incontro fra centinaia di imprese in occasione di eventi organizzati sul territorio, nonché attivando tavoli tematici settoriali di incontro tra gli esperti delle 7 aree regionali.

Struttura d’avanguardia e funzionale utilizzabile in piena sicurezza

9 Ottobre 2020 | Di |

Attualmente la struttura del Mercato coperto di Gorizia è costituita da più corpi: centrale, negozi e pescheria con caratteristiche esecutive e tecniche diverse tra loro.

Al momento tra il corpo centrale e i negozi esiste una tettoia in plexyglass con struttura portante leggera, mentre nello studio progettuale di riqualificazione coordinato dall’architetto Claudio Meninno, si andrebbe a prevedere una nuova tettoia in acciaio e vetro, completamente indipendente da un punto di vista strutturale rispetto all’edificio esistente con giunti sismici di sicurezza. Il vetro avrà una quota di materiale fotovoltaico che garantirà un costante contributo di fabbisogno energico che andrà ad abbattere i costi di gestione durante tutto l’arco dell’anno. D’estate, in particolare, la climatizzazione avverrà senza costi.

Nello studio è previsto un nuovo locale monopiano edificato al posto della pescheria, anche questo realizzato in metallo e vetro con un affaccio sul parcheggio che a tutti gli effetti diventerà una sorta di piazza alberata. Inoltre, proprio in questa visione di apertura e completa vivibilità verso la città verranno abbattuti i muri che separano i negozi dall’area centrale del Mercato, affinché vi sia completo accesso e libertà di movimento per i visitatori.

Attraverso il Gambero Rosso una opportunità mondiale

9 Ottobre 2020 | Di |

Valori e qualità che potrebbero consentire a Gorizia di entrare nel ristretto circolo delle eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche delle “Città del Gusto” del Gambero Rosso, a fianco di Napoli, Roma, Palermo e Torino.

Il Gambero Rosso non ha bisogno di presentazioni, con la sua offerta di periodici, libri, guide, broadcasting (SKY 412) e web OTT raggiunge appassionati, professionisti, canali commerciali distributivi in Italia e nel mondo. Sempre del Gambero Rosso è la “Food Wine Academy”, la più ampia piattaforma formativa professionale che comprende ad oggi 6 strutture operative in Italia (Cesena, Lecce, Napoli, Palermo, Roma e Torino) e joint ventures con le principali università italiane e Academy nei più importanti Paesi stranieri.

A ciò si affianca un intenso programma esclusivo di eventi di promozione di B2B per favorire il costante sviluppo internazionale.

Economia circolare: pronti all’avvio della seconda fase

5 Ottobre 2020 | Di |

Il progetto della Cciaa Vg si svolgerà da ottobre a dicembre 2020

Ripartono le iniziative della Camera di Commercio sul tema dell’economia circolare. Dopo la pausa estiva, infatti, prende avvio la seconda fase del progetto sull’Economia circolare coordinato dalla Camera di Commercio Venezia Giulia e svolto in collaborazione con l’Ente di Pordenone-Udine e il supporto tecnico della società di sistema Ecocerved.

Tutto il materiale didattico relativo ai webinar già proposti è consultabile nella sezione dedicata ai progetti del Friuli Venezia Giulia del portale ecocamere.it (per accedere al portale è necessario registrarsi con user e password).

 Da ottobre partono le prossime iniziative:

  • Webinar: Azienda green, come rendere più green il luogo di lavoro. L’evento è previsto il 14 ottobre. La partecipazione è aperta a tutti previa iscrizione online. A breve tutte le informazioni e il link per procedere all’iscrizione su www.vg.camcom.gov.it
  • Sessione di formazione specifica con docenti dell’ Istituto di Management della Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant’Anna di Pisa. L’evento è riservato ad imprese selezionate – La data prevista è l’ 11 novembre; 
  • Focus group riservato ad Istituzioni, Associazioni di categoria e imprese selezionate per un momento di confronto propositivo e concreto – la data prevista è il 24 novembre;
  • Evento conclusivo in collegamento web oppure in presenza saranno riassunti obiettivi e risultati raggiunti con l’intento di proseguire il percorso intrapreso in un’ottica di miglioramento continuo.  La data prevista è l’11 dicembre.  


Referenti di progetto:


Camera di Commercio Venezia Giulia
dott.ssa Cristiana Vittigli
Responsabile Ufficio Ambiente
Segretario Sezione Fvg Albo Nazionale Gestori Ambientali
Telefono 040 6701261
ambiente@vg.camcom.it

Camera di Commercio Pordenone Udine
dott. Paolo Rodolico
Telefono 0432 – 273562
paolo.rodolico@pnud.it

Progetto Stay Export – 130 webinar settoriali per imprese esportatrici dal 1.o ottobre al 10 dicembre 2020

25 Settembre 2020 | Di |


Stay Export è un percorso di sostegno alle imprese esportatrici per aiutarle a fronteggiare le difficoltà sui mercati internazionali, rilevate in questa fase emergenziale e a rafforzare la loro presenza all’estero. 
Il progetto, a cui aderisce anche la Camera di Commercio Venezia Giulia – Aries, nasce dalla collaborazione tra Unioncamere e la rete delle Camere di Commercio italiane all’estero in 45 paesi. Le Camere hanno elaborato specifiche schede informative aggiornate sul Paese di competenza e organizzano oltre 130 webinar specialistici e settoriali dedicati alle imprese italiane che sono interessate ai loro mercati, in programma tra il 1.o ottobre e il 10 dicembre 2020.
Le imprese interessate all’iniziativa possono prendere visione della circolare informativa, delle modalità di partecipazione e dell’elenco dei webinar al link http://www.aries.ts.camcom.it/it/news/progetto-stay-export—webinar-settoriali-per-imprese-esportatrici.htm

 
Scadenza per l’invio delle schede di adesione:  30 settembre 2020.
La partecipazione ai webinar è gratuita.