Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Aries Archivi - Pagina 2 di 3 - Venezia Giulia Economica

Servizi rete EEN per le PMI

25 Settembre 2018 | Di |

Se cerchi contatti con nuovi partner commerciali o progettuali all’estero, la rete Enterprise Europe Network mette al tuo servizio la piattaforma https://marketplace.friendeurope.it/it/, in cui puoi cercare direttamente le richieste/offerte di prodotti e servizi di tuo interesse, e puoi scaricare e compilare il tuo company profile, che Aries ti aiuterà a diffondere gratuitamente nella sezione cerco/offro della rete EEN, che coinvolge oltre 600 contact points in tutto il mondo, favorendo la possibilità di partnership commerciali.

Per informazioni:
Area Internazionalizzazione
040 6701335

Torna il più importante evento B2B per l’industria del caffè espresso

25 Settembre 2018 | Di |

TriestEspresso Expo in Porto Vecchio dal 25 al 27 ottobre

È una storia di oltre 300 anni quella di Trieste nel comparto del caffè. E la sua fiera biennale dedicata ai professionisti è solo uno dei tanti volti che assume il caffè a Trieste. La nona edizione di TriestEspresso Expo, organizzata dalla Camera di Commercio Venezia Giulia in collaborazione con l’Associazione Caffè Trieste, si svolgerà dal 25 al 27 ottobre nei suggestivi magazzini del Porto Vecchio di Trieste, l’antico scalo portuale della città, e nella Centrale Idrodinamica, un’icona di archeologia industriale. Ambienti evocativi della lunga storia e competenza della città nel comparto caffeicolo, dal momento che quando il caffè iniziò a diffondersi davvero nella “Vecchia Europa” approdò anche a questi moli.

“A rendere vincente un polo altamente specializzato come quello di Trieste – spiega il presidente della Camera di Commercio Venezia Giulia, Antonio Paoletti – non sono però soltanto la lunga tradizione e le competenze raccolte in tutti questi anni, bensì anche un’autentica passione e la continua voglia di innovare e mettersi in gioco in questo settore. Trieste è stata e continua a essere uno scalo portuale di riferimento per il mondo del caffè. E attorno al porto si sono sviluppate le più svariate specializzazioni: dalle torrefazioni alla decafeinizzazione, dalla ricerca scientifica ai servizi assicurativi e bancari, oltre ovviamente alla cultura diffusa nei caffè storici del centro cittadino. Proprio per questo è stato registrato il marchio “Trieste Capitale del Caffè”, fortemente voluto dalla Camera di Commercio Venezia Giulia, assieme al Comune di Trieste e la Regione Friuli Venezia Giulia, proprio per identificare a livello nazionale e internazionale il peso e la storia di Trieste e il caffè”.

Oggi TriestEspresso Expo è un appuntamento riservato al pubblico professionale internazionale e il piatto forte è costituito dall’area espositiva con circa 200 espositori, fra questi i principali brand di settore. È diventato ormai il più importante evento B2B sulla filiera dell’industria del caffè espresso, con marchi di riferimento fra cui i crudisti, le torrefazioni, i produttori di macchine da caffè, di impianti per la torrefazione, di macinadosatori e macinacaffè, ma anche di accessori e servizi come porcellane, sistemi di imballaggio e spedizionieri. Una vetrina dei migliori prodotti Made in Italy, ma non solo, che si completa con un programma di eventi collaterali focalizzato principalmente sull’alta formazione.

Caratteristiche in grado di richiamare un pubblico di 12.500 visitatori professionali da 83 Paesi, questi i numeri dell’ultima edizione 2016, di cui il 38% proveniente dall’estero, con netta prevalenza dal Centro Est Europa. TriestEspresso Expo si conferma, infatti, piazza privilegiata per dialogare con i dinamici mercati di questi Paesi, da cui giunge una parte consistente del pubblico straniero (52% nel 2016). Una fiera settoriale che ha solide basi in un comparto locale altamente specializzato.

Innovazione, quattro startup pronte a “svuotare il sacco”

25 Settembre 2018 | Di |

Nuovi progetti imprenditoriali in grado di anticipare i cambiamenti del mercato

È scattato il conto alla rovescia per conoscere le quattro startup selezionate attraverso la call lanciata da TriestEspresso Expo. Venerdì 26 ottobre, nella suggestiva location della Centrale Idrodinamica, edificio simbolo di archeologia industriale, queste quattro nuovissime imprese avranno 10 minuti ciascuna per presentare il proprio progetto. “Spill the beans” – “svuotare il sacco” – è infatti il nome dell’evento collaterale che le vedrà protagoniste.

Ad ascoltarle tre referenti a rappresentare un brand simbolo dell’industria del caffè, una banca, un’istituzione scientifica, oltre naturalmente al pubblico professionale della fiera. Ricordiamo che le startup – il loro nome è ancora rigorosamente top secret – sono state selezionate sulla base di alcuni criteri imprescindibili, oggi, per raggiungere il successo: sostenibilità, rilevanza con il comparto del caffè, innovazione e applicabilità al mercato. Queste giovani realtà imprenditoriali avranno anche una postazione espositiva all’interno del complesso fieristico per i tre giorni di manifestazione, entro un’isola dedicata all’innovazione. La nona edizione di TriestEspresso Expo è fortemente incentrata sulla competenza, grazie a un programma di eventi formativi di alto livello, e sull’innovazione. Trieste, infatti, oltre a essere un importante distretto del caffè, ospita un prestigioso sistema scientifico, uno dei più importanti in Italia, tanto da essere stata nominata Capitale Europea della Scienza 2020.

Tutte le imprese – anche quelle che gravitano intorno al variegato mondo del caffè – oggi sono chiamate a incrementare il loro tasso di innovazione, avvicinandosi a questo processo in modo consapevole e realizzando nuove idee in modo coerente. Fare dell’innovazione è una “top priority” strategica, sempre più necessaria per anticipare i cambiamenti del mercato. Innovazione che si potrà toccare con mano durante TriestEspresso Expo 2018.

Punti impresa digitale (PID) al servizio delle imprese

25 Settembre 2018 | Di |

La Cciaa Vg finanzia voucher digitali per favorire i processi

La creazione di una rete di attori professionali a sostegno del processo della trasformazione digitale, operanti direttamente sul territorio a stretto contatto con le imprese, è uno dei punti qualificanti previsti del Piano Nazionale Impresa 4.0, dove le Camere di Commercio daranno il loro contributo con il Network degli uffici Punto Impresa Digitale e, in particolare, la Camera Venezia Giulia, da sempre al servizio delle imprese del territorio.

“In questi giorni – ha affermato il presidente della Camera di Commercio Venezia Giulia, Antonio Paoletti – è stato infatti presentato ufficialmente l’ufficio PID della Venezia Giulia che, nelle sue due sedi di Trieste e Gorizia, ha il compito di assistere gratuitamente le imprese del territorio, di qualsiasi dimensione e settore economico, che vogliono approcciarsi al mondo del digitale o che hanno già adottato delle soluzioni 4.0, ma desiderano ampliare le proprie conoscenze”.

“I servizi offerti dal PID riguardano – ha approfondito Francesco Auletta, responsabile Area Sviluppo e Creazione di Impresa di Aries – non solo la diffusione della conoscenza dei vantaggi derivanti da investimenti in tecnologie in ambito Impresa 4.0, ma anche attività di affiancamento alle imprese nella comprensione della propria maturità digitale e nell’individuazione delle aree di intervento prioritarie, come pure attività di orientamento verso le strutture di supporto alla trasformazione digitale e centri di trasferimento tecnologico”.

Punto di partenza di questo percorso è il questionario di autovalutazione (self assessment) disponibile al sito www.puntoimpresadigitale.camcom.it che l’imprenditore può compilare autonomamente online o presso l’ufficio PID della propria Camera di commercio. Il passo immediatamente successivo, nonché il momento di svolta nel cammino verso la digitalizzazione, è la presa di contatto con il digital promoter del PID: la figura professionale che visionerà i processi dell’impresa assieme all’imprenditore e, in accordo con lui, effettuerà gratuitamente una valutazione più approfondita della maturità digitale dell’impresa (assessment guidato) al fine di comprendere meglio quali sono i punti di forza e dove è invece possibile intervenire.

Ad ogni passo l’imprenditore non sarà lasciato solo, ma accompagnato verso la soluzione più adatta alle proprie esigenze e verso centri altamente specializzati in grado di studiare assieme a lui soluzioni su misura.

Si tratta di un percorso che vede coinvolta la Camera Venezia Giulia, assieme a tutte le Camere di Commercio italiane, in un’azione positiva e sinergica in favore dei propri associati, anche tramite la messa a disposizione di contributi economici e la collaborazione di un network di attori professionali, pronti a mettere in campo le proprie competenze e condividere successi ed esperienze con chi vuole sfruttare l’occasione fornita dal Piano Nazionale Impresa 4.0 di cavalcare la quarta rivoluzione industriale.

Referenti per la Camera di Commercio Venezia Giulia:
dott. Bartolome Abad Mas, PID Trieste, digitalpromoterts@vg.camcom.it
dott.ssa Valentina Feresin, PID Gorizia, digitalpromotergo@vg.camcom.it

Sicurezza alimentare, ci pensa l’esperto

25 Settembre 2018 | Di |

Incontri su prenotazione sul sito di TriestEspresso Expo entro venerdì 5 ottobre

Acrilamide, ocratossina, Moca, pest control …. come garantire la sicurezza alimentare dei propri clienti? Domande che troveranno risposta in “Incontra l’esperto”, l’evento collaterale di TriestEspresso Expo. Realizzato in collaborazione con il Gruppo Italiano Torrefattori Caffè e la società specializzata in consulenza alimentare “MV Consulting”, “Incontra l’esperto” vuole essere uno strumento per aiutare gli imprenditori e non solo a conoscere meglio il loro settore di business e valutare scelte a volte strategiche. Durante i tre giorni della manifestazione ai visitatori o espositori, su prenotazione, verrà riservato un incontro tecnico personalizzato e gratuito di circa 20-30 minuti con un consulente al fine di approfondire eventuali quesiti fra uno dei temi più dibattuti degli ultimi mesi. Ciascun incontro verterà su un singolo argomento.

Sarà necessario però prenotare il servizio al più tardi entro venerdì 5 ottobre inviando una mail a events@triestespresso.com, indicando nell’oggetto “Incontra l’esperto – prenotazione”. I posti disponibili verranno assegnati in ordine di ricezione e ad esaurimento. Le ulteriori richieste eccedenti verranno inserite in una lista d’attesa. Tra l’8 e il 10 ottobre verrà indicato il giorno e l’orario assegnato.

PMI e innovazione: progetto Blue Economy

25 Settembre 2018 | Di |

Al via a settembre le iniziative regionali del progetto internazionale Blue_Boost mirate a supportare il potenziale di crescita delle PMI attive nei settori tradizionali o innovativi del mare tramite l’incontro tra la domanda di innovazione e fornitori di soluzioni, fino alla erogazione di voucher per l’innovazione. Le iniziative si apriranno con un laboratorio per le PMI interessate ad esprimere fabbisogni di innovazione e a trovare partner con cui svilupparli. Si prosegue, nel mese di novembre, con un primo incontro tra le PMI e i potenziali fornitori di soluzioni ai fabbisogni più promettenti espressi. A seguire, nei primi mesi del 2019 dopo una “48 ore di innovazione”, le aziende del FVG avranno l’opportunità di partecipare ad un incontro B2B internazionale con aziende provenienti da Grecia, Albania, Croazia e dalle regioni italiane Marche e Puglia, nonché di partecipare a visite di settore nei territori menzionati.

In parallelo agli incontri tra le aziende, sarà aperto un bando per l’assegnazione di voucher per l’innovazione, a cui potranno candidarsi le aziende fornitrici di soluzione innovative, che saranno erogati a partire dall’estate del 2019. Di seguito i prossimi laboratori tematici:

  1. [Protezione costiera] tutela ambientale marino costiera, pulizia degli specchi acquei in prossimità di porti, marina, stabilimenti balneari e gestione preventiva di eventuali emergenze ambientali, – TRIESTE, 28 SETTEMBRE;
  2. [Costruzione nautica] costruzione, manutenzione e refitting di imbarcazioni con introduzione di materiali di costruzione ecocompatibili e di soluzioni tecnologiche volte a ridurre l’impatto ambientale e/o migliorare le performances dell’imbarcazione – MONFALCONE, 3 OTTOBRE;
  3. [Trasporto marittimo] servizi di trasporto interregionali – breve o medio raggio – e mezzi di trasporto merci e passeggeri ad elevata sostenibilità ambientale – MONFALCONE, 3 OTTOBRE.

Per maggiori informazioni:
tel. 040 6701220/404
mail: promo@ariestrieste.it

Alternanza scuola lavoro protagonista a Monfalcone

3 Maggio 2018 | Di |

 

 

L’alternanza scuola lavoro protagonista questa mattina nel Teatro di Monfalcone all’evento organizzato dal Comune – presente il sindaco Anna Cisint –  in collaborazione con Fincantieri, Camera di Commercio Venezia Giulia, Confindustria Venezia Giulia, Associazione artigiani, Cna e l’Ufficio scolastico provinciale e che ha coinvolto oltre 300 studenti delle scuole medie superiori. In particolare evidenza anche il nuovo ruolo assegnato al Sistema Camerale italiano dalla  legge di riforma. Alle Camere spetta ora la funzione di orientamento al lavoro e alle professioni anche mediante la collaborazione con i soggetti pubblici e privati competenti. <Come Camera di Commercio Venezia Giulia – ha commentato il vicepresidente, Gianluca Madriz – abbiamo ereditato le funzioni della Provincia e proseguiamo con la nostra azienda speciale Aries nell’organizzazione del Salone dell’Alternanza Scuola Lavoro e delle professioni, nella creazione di percorsi di alternanza transfrontaliera con l’Austria, mettendo a disposizione di Enti, imprese e scuole il Registro nazionale dell’alternanza scuola-lavoro. Si tratta di un Registro consultabile online, che serve  a far incontrare “virtualmente” imprese e istituti scolastici per trovare i percorsi adatti ai propri studenti>.

Aries a YARE con le imprese per la promozione di Trieste nel settore dei Superyacht

20 Aprile 2018 | Di |

 

 

 

Aries Camera di Commercio Venezia Giulia presente in questi giorni con le imprese a Viareggio (Lucca) allo YARE – Yachting aftersales e refit experience,  giunto  alla sua 8.a edizione, diventato uno dei principali appuntamenti per il settore del Superyacht, dove con una formula molto snella è possibile incontrare molti capitani di megayacht attraverso una agenda personalizzata di incontri, oltre che partecipare a  momenti di networking e di apporfondimento sullo stato dell’arte del settore megayacht nel mondo e workshop tecnici su gestione della barca e della commessa refit . Il “corner Trieste” allestito da Aries con il contributo dei fondi Pisus-Piano di Sviluppo Urbano Sostenibile Intervento B8 – Azioni a sostegno del marketing turistico e calendarizzazione eventi, è stato di supporto  al la rete di imprese TRS – Trieste refitting System, Cartubi e Fincantieri.

Gruppo di azione costiera Flag-Gac Fvg: al Villaggio del Pescatore lo Sportello per gli operatori

13 Aprile 2018 | Di |

 

 

Proseguono le attività del Gruppo di azione costiera Flag-Gac Fvg, con Aries Camera di Commercio Venezia Giulia capofila di un partenariato con i Comuni dell’area costiera del Friuli Venezia Giulia (Duino-Aurisina, Grado e Marano Lagunare), associazioni  di categoria del comparto pesca, realtà della tutela ambientale e del turismo.

Nell’ambito di tali azioni si colloca  l’inaugurazione di questa mattina al Villaggio del Pescatore (Comune di Duino-Aurisina) dello Sportello territoriale del Comune di Duino-Aurisina, che permetterà agli operatori della pesca e di attività ad essa connesse, di confrontarsi sul posto dove operano con il Flag-Gac Fvg, in tema di proposte progettuali e  finanziamenti previsti dal piano d’azione del Flag stesso ma anche da altre linee del Fondo Europeo attività marittime e pesca (Feamp). E’ il terzo sportello aperto, dopo Grado e Marano Lagunare, così,  comprendendo la sede di Aries a Trieste, tutto l’arco costiero regionale è servito. Alla cerimonia hanno preso parte il presidente del Flag-Gac Fvg, Antonio Paoletti, il sindaco di Duino-Aurisina, Daniela Pallotta, l’assessore all’Ambiente, Andrea Humar, il coordinatore del piano d’azione Flag-Gac Fvg, Giovanni Dean (nella foto al taglio del nastro nell’ufficio) e i rappresentanti del settore della pesca.

A fine marzo Trieste e il Friuli Venezia Giulia sono stati al centro del dibattito nazionale dei Flag-Gac (Gruppi di Azione Costiera) della Penisola, ospitando il secondo seminario nazionale organizzato dall’Autorità di gestione del programma operativo Feamp (Fondo per la politica marittima dell’Unione Europea) del Ministero delle Politiche  agricole alimentari e forestali (Mipaaf).

<I Flag italiani – ha ricordato il presidente del Flag-Gac Fvg, Antonio Paoletti – e i rappresentanti dell’Autorità di gestione del Mipaaf  hanno toccato con mano nella visita di studio la bontà delle attività realizzate con la precedente programmazione europea. E proprio al Villaggio del Pescatore ai rappresentanti italiani dei Flag sono stati illustrati gli interventi realizzati in oltre 15 anni di gestione di progetti europei su pesca e mitilicoltura dalla Camera di Commercio e fatto vedere il primo ittiturismo aperto in Italia dalla famiglia Minca nel 2002. Sono stati, infatti, valutati positivamente nel corso della visite – ha concluso Antonio Paoletti  – gli interventi realizzati nell’ambito della priorità 4 sullo Sviluppo Locale  negli scorsi anni, attività considerate virtuose. In particolare per quanto riguarda il Comune di Duino-Aurisina con la programmazione 2007-2013, poi conclusa come attività nel 2015, è stato realizzato un intervento per la delimitazione a mare del Parco delle Falesie e la posa di aggregatori ittici sotto gli impianti di mitilicoltuta. Impianti di mitilicoltura le cui produzioni che con la nuova programmazione 2014-2020 saranno ulteriormente valorizzate attraverso un importante intervento volto a garantire maggiore salubrità delle produzioni di moluschi bivalvi di tutta la costa regionale>.

Che la pesca sia un tassello importate per Duino-Aurisina lo ha confermato il sindaco Daniela Pallotta che ha voluto evidenziare <quanto questi interventi siano fondamentali per mantenere questa attività economica e questa tradizione in particolare al Villaggio del Pescatore, favorendo il passaggio generazionale e garantendo uno sviluppo del fare impresa nel settore>.

<Passaggio generazionale – ha rilevato l’assessore comnale all’Ambiente, Andrea Humar – che ormai nel settore agricolo è spesso garantito con l’apertura di nuove attività da parte dei giovani, mentre invece per quanto riquarda la pesca spesso tutto ciò non avviene. La pesca e l’acquacultura fanno parte della nostra tradizione e attraverso le azioni del Flag-Gac anche noi come Comune faremo la nostra parte per garantirle e inventivarle>.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10 Aprile 2018 | Di |

Partenza ufficiale, questa mattina, nella sala Maggiore della Camera di Commercio Venezia Giulia del Progetto “Fish-Agro Tech CBC Pesca-agricoltura: partecipazione e innovazione transfrontaliera”, a valere sul Programma Interreg Italia Slovenia e cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale e di cui Aries – Camera di Commercio Venezia Giulia è capofila.

Con il convegno “Pesca e agricoltura: l’approccio partecipativo all’innovazione transfrontaliera” sono state introdotte le  opportunità dell’innovazione, con la partecipazione di importanti realtà dell’open innovation e delle comunità locali, presentando best practice nel settore pesca-acquacoltura e agricoltura.

L’obiettivo è creare una riflessione sui fabbisogni e sulle possibilità di innovazione, sopratutto da parte delle imprese, per creare una sinergia con i produttori/portatori dell’innovazione stessa, in vista delle prossime attività di accompagnamento delle imprese nella realizzazione di attività pilota e di progetti di innovazione condivisi.

Il progetto Fish-Agro Tech CBC, la cui attuazione si protrarrà fino al 31 dicembre 2019, verrà sviluppato da Aries, struttura capofila, congiuntamente ai partner italiani Area Science Park e GAL Carso-LAS Kras e ai partner sloveni Parco Tecnologico di Lubiana, Camera per l’Economia della Primorska (Capodistria), Istituto Nazionale di Biologia. Quale partner associato collaborerà il Gruppo di Azione Locale LAS Istre.

<Con questo incontro – ha detto Patrizia Andolfatto, direttore di Aries –  abbiamo messo in atto il primo obiettivo del progetto, ovvero quello di coinvolgere imprese, associazioni, istituzioni scientifiche e della ricerca e le comunità locali legate alla pesca-acquacoltura e agricoltura. Utilizzando un approccio di tipo Clld (sviluppo locale guidato dalle comunità), il fine è sensibilizzare a livello transfrontaliero le realtà dei due settori di intervento, accompagnandole nell’individuazione e nell’applicazione delle soluzioni innovative offerte dalla ricerca scientifica e tecnologica. Le imprese verranno affiancate dai partner e da esperti, che le accompagneranno sia nell’identificare i fabbisogni di innovazione emergenti, sia nello sviluppo dei singoli percorsi innovativi che saranno intrapresi>.

Robert Rakar, direttore della Camera per l’Economia della Primorska, da parte sua ha sottolineato <quanto sia fondamentale in una “regione” allargata come quella che vede coinvolti i nostri territori, collaborare per migliorare le produzioni agricole e ittiche in un ambito, quello del cibo, che sarà sempre più strategico e che solo facendo sistema ci permetterà di approcciare mercati più grandi. Parlare e trasferire le esperienze e i sistemi a disposizione è fondamentale per avviare assieme percorsi di innovazione

Dopo i vari step previsti il progetto porrà le basi per una concreta condivisione di proposte e soluzioni di innovazione da trasferire alle imprese dei settori pesca-acquacoltura e agricoltura, favorendo attorno ad esse la creazione di reti e aggregazioni transfrontaliere fra le stesse imprese e i soggetti operanti nella ricerca e nell’innovazione.

Finanziamento – Durata

  • Il Progetto, per complessivi 1,016 milioni di euro di investimento, si avvale  del contributo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – Programma Interreg V-A Italia Slovenia.
  • Il progetto è stato avviato il 1.o luglio 2017. Le attività si svolgeranno fino al 31 dicembre 2019.

Principali obiettivi e attività del Progetto

  • Sensibilizzazione a livello transfrontaliero di imprese, associazioni, istituzioni scientifiche e della ricerca e le comunità locali legate alla pesca-acquacoltura e agricoltura, utilizzando un approccio di tipo Clld (sviluppo locale guidato dalle comunità) mediante incontri pubblici e seminari settoriali.
  • Accompagnamento delle imprese nell’individuazione e nell’applicazione delle soluzioni innovative offerte dalla ricerca scientifica e tecnologica, con attività di R2B, B2B ed auditing tecnologico.
  • Supporto alle imprese ad opera di partner ed esperti per sviluppare, sulla base dei fabbisogni di innovazione emergenti, percorsi innovativi personalizzati con attività di affiancamento ed azioni pilota.
  • Condivisione di proposte e soluzioni di innovazione da trasferire alle imprese dei settori pesca-acquacoltura e agricoltura, con la  redazione di un piano transfrontaliero dell’innovazione quale base per favorire la creazione di aggregazioni e reti transfrontaliere fra le imprese e i soggetti operanti nella ricerca e nell’innovazione.

Partner italiani

  • Aries – Azienda Speciale della Camera di Commercio Venezia Giulia (lead partner)
  • Area Science Park
  • Gruppo di Azione Locale GAL Carso – LAS Kras

Partner sloveni

  • Parco Tecnologico di Lubiana
  • Camera per l’’Economia della Primorska (Capodistria)
  • Istituto Nazionale di Biologia